Cos’è effettivamente un meme?

Non è semplice spiegarlo, ma lo si può definire come una specie di tormentone, un’immagine, una canzone, una frase che inevitabilmente viene diffusa in un pubblico vasto, soprattutto in Internet e i social network. La portata che i meme riescono ad avere appunto in siti come Facebook, Youtube o Twitter è tremendamente grande, e nascono quasi sempre involontariamente, scoppiando da un effetto a catena di condivisioni, commenti, reactions, e perfino imitazioni più o meno riuscite.

I meme vivono a stretto contatto con il viral marketing, con la differenza che si crea un prodotto o idea ad-hoc che inevitabilmente avrà una diffusione appunto virale, in alcuni casi sfruttando memi già stabiliti o in tendenza.

Noi di The Walkman abbiamo quindi selezionato 3 dei più grandi successi di marketing virale di questo ultimo anno.

Questo slideshow richiede JavaScript.

ANDIAMO A COMANDARE

È inevitabile, chi di noi non ha mai sentito questa frase, o  soprattutto il tormentone estivo di Fabio Rovazzi? La frase in questione non nasce da questo pezzo, ma da pagine Facebook popolari come La Fabbrica del Degrado o Sesso Droga e Pastorizia. Esempio chiave può essere la presentazione di uno scenario ridicolo, abbinandola poi con “E si esce/si va a comandare”. Inutile dire che già inizialmente ha avuto un successo di nota, con migliaia di mi piace, commenti e condivisioni sui social. Rovazzi ha saputo brillantemente sfruttare questo cavallo vincente creando la più grossa hit italiana degli ultimi anni, con più di 100 milioni di visual e 4 dischi di platino.

SII COME BILL

Pagina Facebook creata proprio a fine 2015, ha avuto un boom considerevole a inizio 2016. I meme in questione sono delle immagini con un omino stilizzato con un computer, e con perle di saggezza e consigli sulla vita moderna che finiscono tutte con la frase “Sii intelligente, Sii come Bill”, figura astratta che rappresenta il buonsenso e buongusto comune. La creazione di Andrea Nuzzo ha raggiunto numeri da record vicini al milione di fan, dozzine e dozzine di cloni, e perfino emuli dall’estero (Be like Bill), diventando pure redditizia con merchandising di vario tipo e un libro.

NON PAGO AFFITTO

La comparsata del “rapper” Bello Figo Gu  (famoso su Youtube per le sue hit demenziali e politicamente scorrette) nel programma di Rete 4 Dalla Vostra Parte a inizio mese è stata oggetto di controversie, date dall’atteggiamento indisponente di quest’ultimo durante la trasmissione. Nonostante in molti lo abbiano frainteso e quindi attaccato, in tanti altri hanno capito il personaggio, volutamente provocatorio, ironico e vero e proprio troll di internet, che ha saputo magistralmente prendere in giro tutti gli stereotipi ai quali purtroppo in molti in Italia credono. Per quanto il suo gesto sia stato discutibile, ciò ha dato all’artista una pubblicità mai avuta prima, raggiungendo milioni di nuove visual e facendo incollare allo schermo altrettanti spettatori, con annessi un tour e ospitate più consapevoli in altri salotti televisivi.