Isabella Potì – 21 anni, Pastry Chef del ristorante Bros di Lecce.  Inserita dalla rivista americana Forbes nella lista dei talenti under 30 più promettenti dell’anno.

Isabella Potì: Classe ’90 e già vincitrice del premio Chef emergente per il Sud 2016. Un curriculum che fa invidia ai grandi chef. Dedizione e passione sono le sue più grandi doti. Quelle che l’hanno portata ad essere ciò che è oggi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Isabella, con quali aggettivi ti presenteresti? Parlaci di te e del tuo talento.

In soli tre aggettivi mi definirei determinata, cinica e appassionata. Se il mio possa essere un vero e proprio talento, lo lascio decidere agli altri. Per me il talento passa dal sacrificio, dalla voglia di migliorarsi giorno per giorno, dalla costanza e dalla dedizione in ogni singolo gesto. Il talento, in senso stretto, rappresenta solo il 30% del successo. Tutto il resto è determinazione e duro lavoro.

 

Come mai hai deciso di intraprendere la strada della pasticceria?

La mia è una passione nata dai tempi dell’infanzia. Ero una bambina quando, durante i pranzi e le cene in famiglia, improvvisavo dessert ben poco commestibili. Non ho impiegato così tanto tempo a comprendere che quello sarebbe stato il mio mondo. Tutte le mie scelte future sono state orientate verso la pasticceria. Dalla scuola alberghiera al catapultarmi all’estero per fare esperienza. Mi sono unita alla brigata dello chef Floriano Pellegrino col quale ho condiviso e condivido sacrifici e obiettivi. Insomma, la pasticceria è ciò che più mi viene naturale fare.

 

Qual è il dolce che più rappresenta il tuo essere?

Il dolce che più di tutti mi rappresenta è il soufflè. Questo dolce è tecnica assoluta ma non può esser fatto solo con regole di repertorio. Esistono mille modi per farlo e mille variabili che lo rendono unico e personalizzato. Questo è il motivo per cui è presente nel menù ‘Bros’ dal primo inverno a quest’ultima estate.

 

21 anni, Pastry Chef e un ristorante avviato. Qual è la chiave del tuo successo?

La chiave del mio giovane successo è il risultato del duro lavoro e dei tanti sacrifici a cui ogni giorno vado incontro per raggiungere gli obiettivi che mi prefisso. A volte non è semplice, ma la passione e la determinazione sono il motore che mi consente di superare ogni difficoltà.

 

Come scegli gli ingredienti da utilizzare e cosa t’ispira di più?

Scelgo gli ingredienti delle mie ricette in base al loro gusto, alle stagioni, in base ai contrasti di acidità e dolcezza. Anche  in base al colore e alla loro consistenza. Per tutte queste ragioni, uno degli ingredienti che prediligo nei miei dolci è la frutta.

 

The WalkMan ha come obiettivo quello di scovare e mettere in luce giovani talenti ed artisti che credono nelle proprie idee. Cosa consigli a chi, come te, ha deciso di investire la propria vita nella creatività?

Gli obiettivi si raggiungono perseguendoli senza affanno e senza sosta. Affrontare le situazioni, a volte avverse, con amore e ostinazione è la vera chiave per raggiungere i propri sogni.