Archivio è il Magazine che fonda la sua linea sul patrimonio d’archivio.  L’idea è di Andrea Montorio, co-fondatore di Promemoria, azienda torinese leader nel settore dell’archivistica storica come mezzo l’innovazione culturale.

Archivio – Il 13 dicembre 2017 Torino regala al mondo Archivio, un semestrale co-curato da Matteo Milaneschi e Achille Filipponi (studio Nationhood), diretta editorialmente da Alba Solaro, e artisticamente da Giandomenico Carpentieri, che insieme a Filipponi è tra i fondatori di Yard Press, piccola ma prestigiosa casa editrice italiana nel mondo.

“The Challenge Issue” è il titolo del primo numero dedicato a diverse sfide culturali.
All’interno troverete: sottoculture della gioventù russa, Carlo Mollino, Bruce Sterling, Pier Paolo Pasolini, Lucio Fulci e molto altri. La rivista nel fondo, infatti, riporta le schede d’archivio da cui sono estratti tutti i documenti: dall’Archivio della Triennale fino a quello del Gabinetto Viesseux.

Un’estetica che ben rappresenta l’animo retrò, uno sprito vintage forte ma che riesce ad essere attuale.
Descrivere Archivio con un etichetta non è affatto semplice. È una rivista che tratta di storia ? Costume e cultura? Folklore ? Arte?

“Archiviare è un’arte e l’arte ha reso l’archiviare una delle sua grandi ossessioni ”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Archivio, con un punto di vista contemporaneo, vuole esporre ciò che gli archivi possono insegnarci: come la memoria diventi poi futuro. Ogni numero è costruito attorno a un tema, ma in modo sciolto, sfogliando dall’arte alla moda, alla cultura, allo sport, al design, al cinema, alla scienza, alla fotografia senza nessun ostacolo.

Ma cosa sono gli archivi se non racconti? Esperienze personali e storie collettive, nascoste alla logoria del tempo che scorre.

Archivio è un progetto editoriale che rende il ricordo materia, che dà una nuova vita e un nuovo utilizzo all’arte dell’archivistica, per poter ricordare proprio quando serve.

“Il crimine e il potere” è il tema della seconda uscita 12.06.2018.
Qui, si indaga la presenza del crimine e del potere all’interno della società contemporanea nelle sue forme più inedite e laterali: dalla Los Angeles insanguinata fino al massacro di Jonestown del 1978. Tra le pagine si susseguono le profetiche riflessioni di Elio Petri sul potere dello stato, le spiazzanti fotografie dall’Archivio Stasi di Berlino. Navigheremo nel foto-giornalismo d’assalto, scopriremo il museo come luogo di conflitto e il potere del volto della sindone. Con questa edizione l’ambizione e l’innovazione del progetto non passano inosservate al mondo dell’editoria indipendent. Archivio viene così nominato per il lancio dell’anno, la copertina dell’anno, il migliore utilizzo della fotografia e la migliore sceneggiatura originale per gli Stack Awards 2018.

Archivio diventa l’emanazione pop dell’inestimabile valore della ricostruzione del passato, della comprensione del presente, della realtà d’archivio.

Archivio vende il valore della nostalgia, è disponibile online e in piccoli e selezionati mag store.

777 index WhatsApp Image 2018-11-04 at 17.27.42

23x31cm
Rilegatura a brossura
copertina morbida
232 pagine